Meccanica Cerebrale


Contenuti






Avverto il lettore che questo lavoro non è uno scritto di filosofia o di psicologia,  piuttosto è la pubblicazione del progetto di un prototipo, incompleto ma funzionante, di un cervello artificiale imitante quello umano. Tuttavia esso affonda le sue radici nella filosofia, che fornisce il quadro entro cui si sviluppa come teoria empirica.

In questo sito troverete i miei

1. studi, che riguardano soprattutto il cervello, ma anche alcuni scritti sui principi della fisica:



2. I programmi computerizzati, che discendono da questa impostazione sono descritti alla pagina Programmi dove si trovano i link ai programmi esecutivi e ai loro listati. Ulteriori spiegazioni sul funzionamento dei programmi si trovano nello scritto “La visione della macchina”.


3. Qualche nota personale: fin da bambino ero attratto dalla meccanica, dall'elettricità e in generale da tutta la tecnologia. Poi, crescendo (FOTOALBUM), il mio interesse è passato al mondo dei concetti, in particolare alla fisica, che concepivo come studio atto a capire il mondo (non come arte per costruire macchinari). Sui diciotto anni  ha cominciato a sembrarmi debole la prospettiva  di voler capire il mondo senza sapere nulla della macchina che capisce il mondo, cioè del cervello. Ritenevo questo atteggiamento simile a quello di colui che volesse compiere una misura  con uno strumento di cui non si conoscono le caratteristiche. Secondo me occorreva andare oltre il salutarissimo e irrinunciabile metodo sperimentale, occorreva insomma un nuovissimo cimento, che conducesse alla comprensione delle possibilità e dei limiti del cervello: solo così si sarebbe saputo, se, come e fin dove sarebbe stato possibile conoscere il mondo. Quando ho incontrato la meccanica quantistica ho sentito di essere sulla strada giusta. Un elenco, sempre aggiornabile nella parte meno seria, dei miei interessi personali è qui.

4. Nella mappa del sito vi è l’elenco preciso dei contenuti.


^^^^^^^^^^^^

La foto di questa pagina raffigura Julien Offray de La Mettrie, la foto della Home page riproduce il busto di Democrito creduto anche Eraclito, conservato al museo nazionale di Napoli.




Home